Info: +39 328 353 8400

Che baraonda

Quand se rice mamma che baraonda tutte se ncontra e tutt se scontra
Quand nu core nun trova chiu pace è tutt normale se è chell che vol
Quand te ricen nun siervi chiù a nient aiz a cap e nun penzà a nisciun
A vita è una e fattell abbastà aiz a cap e nun ce penzà

Nun serv a zingara a nduvinà ogni cosa ce vo esperienza a capì comm va
Nun ce vo o prevt e na cunfessione si tra mezz’ora se ritorna a peccà

Quand se rice ca ce vol furtuna tu vatt aiut ca furtuna farrai
Quand na femmena te vol spusà vulell bene e nun l’abbandunà
Quand n’amic te cerca n’aiut e sul tu o puoi accuntentà
Nun sputà ngiel ca t’arriva nfaccia chist è o pruverbio nun to scurdà

Nun serv a zingara a nduvinà ogni cosa ce vo esperienza a capì comm va
Nun ce vo o prevt e na cunfessione si tra mezz’ora se ritorna a peccà

Nun serv a zingara a nduvinà ogni cosa ce vo esperienza a capì comm va
Nun ce vo o prevt e na cunfessione si tra mezz’ora se ritorna a peccà

Oradea

La la… la la la la… La la… la la la la…

Notte di distruzione ad Oradea
Attaccata dai Tartari e dai Mongoli
La sua fortezza è luogo di sepoltura
Fuochi che bruciano le sue bellezze
Città che guarda il fiume Crisul Repede
Il regno degli Arpadi di Ungheria
Protestantesimo moderale radicale fanno da disputa
Ma poi si ritorna tutti insieme a cantar

La la… la la la la… La la… la la la la…

Gran Varadino della Transilvania
La tradizione balkan e i suoi colori
Suoni di ottoni che si odono lungo le strade
Cultura circense ed arte da espletar
Fiori di tutti i colori che adornano il centro
Chiese teatri e sinagoghe da visitar
Oggi i bambini riversano lungo le strade
Giorni di feste e poi tutti insieme a cantar

La la… la la la la… La la… la la la la…

Mondo Teatro

Sorridi comunque vadan le cose per te
Gioisci senza rancori e senza perché
La vita è come una favola non la fermare fin quando ne hai voglia
Vivila fino alla fine tra sogno e realtà
Ma dove vanno gli uccelli quando migrano
Si levano liberi quando volano
Cercano il nuovo nido più caldo dove possono star
Si accoppian con tanto amore per l’eternità
Notte che va nei suoi silenzi
Luci soffuse che illuminano la città
L’ultima festa d’estate si chiude la piazza nella tristezza
Entra l’autunno nell’ombra dell’ambiguità

Ritornano le sere del lungo inverno
Castagne e vino davanti al fuoco a parlar
Di come vanno le cose se i conti tornano
Ma non priviamoci mai e continuiamo a sognar
Ma si la vita è così è come un cinema
Gli spettatori partecipano senza pagar
Gli attori sono comparse e farse da recitar
In questo mondo teatro difficile da raccontar

Jesc Sole

Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Quanti cose nun funzionano inda a chesta società
E cammin mmieza a via sbircio un po’ di qua e di là
Osservando attentamente quanda cose sanna fa
L’amicizia ormai è virtuale e la famiglia non c’è più
È partita per lavoro e chissà quand torna cchiù
Ehh ce stati accirenn l’anima! Ehh nu poc e pane e felicità … Facitc campà
Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Quanti cose nun funzionano inda a chesta società
Quanta gente nun riposa nun se fira proprio cchiù
Qui si gioca con l’onore e con la sensibilità
In amore nun è cosa si tradisce sempre più
Il piacere di cambiare con che cosa non si sa?
Ehh ce stati accirenn l’anima!
Ehh nu poc e pane e felicità … Facitc magnà
Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita addà cagnà
Quanti cose nun funzionano inda a chesta società
Ehh ce stati accirenn l’anima! Ehh nu poc e pane e felicità … Facitc campàà

Godiamoci il nostro

Si dice in giro che cumba Tatonn tene na figlia pare na Maronna
Tutti la cercano ma nun la vonn a vuoi ra a me? Ma pe carità!
Si dice in giro che cumba Tummaso nze fa passà la mosca sott o naso
Ten na figlia ca nza mai nzurat a vuoi ra a me? Ma pe carità!

Tenimmc o nuost nun ce penzamm
Gudimmc o nuost ca già tenimm
Stammc co nuost nun ce penzamm
A vita è una e nun la sprecamm

Si dice in giro che cumba Luigino se vev tutt e juorn o fiasc e vin
Ten na figlia pare na mappina a vuoi ra a me? ma pe carità!
Si dice in giro che cumba Tatillo ten na figlia che era nu scupillo
Che ogni tanto si dava allo squillo a vuoi ra a me? ma pe carità!

Tenimmc o nuost nun ce penzamm
Gudimmc o nuost ca già tenimm
Stammc co nuost nun ce penzamm
A vita è una e nun la sprecamm

Tenimmc o nuost nun ce penzamm
Gudimmc o nuost ca già tenimm
Stammc co nuost nun ce penzamm
A vita è una e nun la sprecamm

Liberi di amarsi

Dissero che dovevamo andare lontano
Era una mattina di un aprile inoltrato
Mentre ti guardavo mi riapparve in mente
Quando tu mi sorridevi teneramente
Come io potevo dire no al tuo sorriso
A quel semplice gesto che illumina il viso
Divertirsi insieme vivere il nostro sogno
Di una casa piena di valori e di orgoglio

Giorni in cui ci giuravamo l’eterno amore
Giorni di quiete di uno strano umore
Semplici momenti di vita vissuta
Ricchi di incoscienza pieni di speranza
Giorni in cui la notte fermava il tempo
Risplendeva la luna e il nostro sentimento
Attimi vissuti senza limiti
Ci rendevano semplici e complici

Anime diverse con le stesse ragioni
Di restare uniti nella gioia e dolore
Abitanti della stessa terra natia
Dove batte un cuore senza ipocrisia
Liberi di amarsi nel pieno rispetto
Apprezzare l’altro anche se imperfetto
Consapevoli dei nostri veri valori
Spalancare le porte e apprezzare i colori

Dissero che dovevamo andare lontano
Era una mattina di un aprile inoltrato
Mentre ti guardavo mi riapparve in mente
Quando tu mi sorridevi teneramente

I giovani e la Tradizione

Cerchiamo di difender le persone e i territori
Curiamone l’ambiente e salvaguardiamo i colori
Restando tutti uniti riusciremo a galleggiare
Nel fango e nella melma che attanaglia il nostro male
Esaltiamo il calore della nostra tradizione
Cerchiamo di difenderla e non farla morire
Questi valori ai giovani dobbiamo trasferire
Perché la loro forza servirà per risalire

Per aiutare gli uomini ci vuole occupazione
Lo dice il primo articolo della Costituzione
Togliamo le coperte perché fuori è uscito il sole
Corriamo tutti insieme con passione e con amore

La tirannia non serve demotiva le persone
Bisogna dare loro perlomeno un’occasione
Dare fiducia serve per abbatter le barriere
Facciamo un passo avanti e costruiamo l’avvenire
L’identità di un uomo che rinuncia per passione
Non si può giudicare solo alla prima impressione
C’è una motivazione dietro ad ogni decisione
I sogni non si comprano ma nascono dal cuore

Per aiutare gli uomini ci vuole occupazione
Lo dice il primo articolo della Costituzione
Togliamo le coperte perché fuori è uscito il sole
Corriamo tutti insieme con passione e con amore

Il mondo da una finestra

Fiocchi bianchi che cadono giorni grigiastri e si gela dal freddo
La legna adagiata che arde nel fuoco riscalda una piccola stanza
Immersa sotto la brace cuoce a cartoccio la cena
Sapore che rievoca odori scolpiti nel cuor

Osservo dalla finestra i bambini che giocano e sono felici
Pupazzo di neve vestito con abiti vecchi ormai andati in disuso
Un uccellino che becca cercando qualcosa sotto la neve
L’istinto di sopravvivenza lo esprime così

I monti innevati fanno da cornice a un paesaggio a dir poco speciale
Il giorno silenziosamente fa posto alla notte luminosa e bianca
Dai tetti si elevano i fumi c’è un’aria di festa
Regali che la natura ci dona così

Un albero di mandarini fatica a sorreggere il peso che ha addosso
Ragazzi che giocano a lanciar le palle sorridono e sprizzano gioia
Bisogna cogliere il vero valore e il senso della vita
Si trova dovunque anche dentro di te

I lati opposti dell’amore

L’amore proibito è l’amore che lo porti nascosto dentro di te
Senza trascurarlo senza mai mostrarlo
L’amore confuso è un amore che è un male diffuso per tanti e
Non puoi mascherarlo non puoi più sentirlo
È il più meschino e triste sentimento
L’amore se è fragile e amore che non trova in nessuno un complice
È un’illusione è una triste passione
L’amore morboso è un amore che sembra un sodalizio ma non lo è
Ti tiene in prigione ti soffoca il cuore
consuma lentamente senza guarigione
L’amore virtuale è un amore che ormai il più moderno tra tutti è
Non ha fondamento è un triste tormento
L’amore a distanza è un amore che ti logora lento e si sa perché
Non c’è collisione è senza emozione
Finisce quasi sempre senza una ragione
L’amore bugiardo è un amore che trascina chiunque in un vortice
Privo di valori con sbalzi di umori
L’amore eterno è un amore che rimane indelebile dentro te
Lo senti dovunque lo provi comunque
È il più galante e saggio sentimento
Consuma lentamente senza guarigione
Finisce quasi sempre senza una ragione

Il matrimonio dell’avvocato

Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
E’ di domenica è mezzogiorno e la chiesetta è addobbata a festa
È il matrimonio dell’avvocato e ci sta pure il sacrestano
E Zi Ndrea bardato a festa vestito marrone e cappello in testa
Cu Za Cuncetta co scialle sul collo tutta agghindata a Trullallà Angctià… Angctià…
E Zi Michele co Tupp Tattopp la Fisarmonica e cosce storte
Cu nu bastone è pertica è noce saluta e nvitati alzando la voce
E Za Ndunetta a fianco all’altare nun perde na virgula manco a scherzare
Si piglia li cazzi di tutti quanti Angctià… Angctià…
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Spunta lo sposo co sciarabball la banda sona na Tarantella
E gli invitati tutti a ballare co segn ra croce lo lascia passare
Arriva la sposa vestita di bianco con velo lungo e li tacchi a spillo
Trascina il braccio del suo papà Angctià… Angctià…
Esce Zi Prevet a ngopp all’altare fa o segno ra croce e se mette a pregare
E la bizzoca alla terza fila critica tutti a divinità
Poi corrono tutti al ristorante si mangia da sbafo e poi tutti a ballare
a tarda sera a festa finisce e sposi salutano e se vanno a curcare Angctiar… Angctiar…
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà

La Lavandaia

La lavandaia scende giù alla fonte porta lenzuoli ed abiti a lavar
Usa la cenere emersa dal braciere la notte prima usata a riscaldar
La grande cesta posta sulla testa scende le scale come un equilibrista
Con le compagne intenta a raccontar ciò che succede in tutta la città

Il giovanotto fermo ad osservare quale ragazza deve corteggiar
La gonna lunga non facilita le cose deve provare soltanto a immaginar
Lei le sorride con aria sbarazzina lui strizza l’occhio soltanto per un si
Lei arrossisce ma non si intimidisce dopo il bucato vanno ad amoreggiar

Lei lo convince a presentarsi da suo padre per confermare che se lo vuol sposar
Il suo mestiere è fare il falegname e con sua figlia una famiglia vuole far
Vuole sei figli è una casa tutta sua da condividere con la sua metà
Storia d’amore partita da una fonte dove la lavandaia andava a lavorar

L’incanto

Sii dolce con me non è tempo di rimpianti
Come la neve cadrà che vola e non sa
Dove andrà dove si poserà
E così l’incanto sarà su di noi l’amore
Nei tuoi occhi mille colori
nella fragilità c’è l’immenso per noi
e una luce nel buio apparirà
sii dolce con me non è tempo di rimpianti
io avrò cura di te sii gentile con me
e l’incanto per sempre sarà

Chiudi il menu