Info: +39 328 353 8400

I giovani e la Tradizione

Cerchiamo di difender le persone e i territori
Curiamone l’ambiente e salvaguardiamo i colori
Restando tutti uniti riusciremo a galleggiare
Nel fango e nella melma che attanaglia il nostro male.
Esaltiamo il calore della nostra tradizione
Cerchiamo di difenderla e non farla morire
Questi valori ai giovani dobbiamo trasferire
Perché la loro forza servirà per risalire.

Per aiutare gli uomini ci vuole occupazione
Lo dice il primo articolo della Costituzione
Togliamo le coperte perché fuori è uscito il sole
Corriamo tutti insieme con passione e con amore.

La tirannia non serve demotiva le persone
Bisogna dare loro perlomeno un’occasione
Dare fiducia serve per abbatter le barriere
Facciamo un passo avanti e costruiamo l’avvenire.
L’identità di un uomo che rinuncia per passione
Non si può giudicare solo alla prima impressione
C’è una motivazione dietro ad ogni decisione
I sogni non si comprano ma nascono dal cuore

Per aiutare gli uomini ci vuole occupazione
Lo dice il primo articolo della Costituzione
Togliamo le coperte perché fuori è uscito il sole
Corriamo tutti insieme con passione e con amore.

Il Barone e il Senatore

Grandi lotte politiche si svolgevano tanti anni fa
Da una parte c’era il Barone col suo garofano rosso
Ci si batteva per gli ideali liberali e sociali
Il partito degli operai e dei ceti medi sociali
Dall’altra parte c’era il Senatore
Che rappresentava lo scudo crociato
L’ideale del populismo e della chiesa cattolica
Ma che scontri che c’erano
Tra la gente che partecipava con le bandiere ai cortei
Tra schiamazzi starnazzi e grida evviva il Barone
Rispondevano in coro a gran voce vince il Senatore
Questa volta vinciamo noi diceva ai comizi il Barone
C’era tanta, tantissima gente al nostro corteo più del loro
il Senatore dall’altra piazza rispondeva vinciamo noi
vi ricordate quattro anni fa chi risultò vincitore
Ma che scontri che c’erano
Tra la gente che partecipava con le bandiere ai cortei
Tra schiamazzi starnazzi e grida evviva il Barone
Rispondevano in coro a gran voce vince il Senatore
Ma che scontri che c’erano
Tra la gente che partecipava con le bandiere ai cortei
Tra schiamazzi starnazzi e grida evviva il Barone
Rispondevano in coro a gran voce vince il Senatore

Il Fotografo ha visto tutto

È un artista attento osservatore che si esprime in uno scatto
Fermando il tempo lui descrive ogni momento
Sviluppa pose che raccontano la sua curiosità
Ha visto tutto dal lunedì alla domenica per strada
Nascosto dietro la normalità di ogni giornata
Che sfocia in cronaca in politica o in solo varietà
Come un fantasma lui compare in ogni cosa che non va
Spesso si trova nella mischia tra chi si abboffa a sazietà
Un ficcanaso non soltanto per il mestiere che lui fa
Conosce tutti li raffigura in bianco e in nero anche a colori
Si mimetizza tra la gente vende emozioni
Il fermo immagine che fonde il fotogramma alla realtà
Offre il servizio a chi si presta a farsi immortalare
Per rimanere indelebile nel tempo
Manifestando la fierezza e la tristezza ad ogni età
Come un fantasma lui compare in ogni cosa che non va
Spesso si trova nella mischia tra chi si abboffa a sazietà
Un ficcanaso non soltanto per il mestiere che lui fa
Come un fantasma lui compare in ogni cosa che non va
Spesso si trova nella mischia tra chi si abboffa a sazietà
Un ficcanaso non soltanto per il mestiere che lui fa

Ursta la

Ursta là Ursta là non voglio dormire
Ursta là Ursta là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire
Ballo come uno strambo non reggo al tuo tango
Ti stringo e ti tengo come piace a te
Svampo e sorrido da sballo ammirando il tuo scollo
Le braccia sul collo impazzisco per te
Ursta là Ursta là non voglio dormire
Ursta là Ursta là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire
Salto sconvolto ti blocco le mani che sfiorano il corpo
Di un uomo diviso a metà
Attimi che non ritornano vissuti in bilico
In modo pragmatico spendono la libertà
Ursta là Ursta là non voglio dormire
Ursta là Ursta là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire
Passi là Passi là non voglio dormire

Da Gurizia

La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la
La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la.
Al ristorante da Gurizia tutti i giorni ci si diverte con gli amici anche a ballare
Si mangia una lasagna buona e saporita si prende con le dita la frittura di baccalà
Alla domenica si festeggia il matrimonio anche Tatonno e Nanninella sposano la
Si beve vino rosso aglianico locale il complessino suona e si comincia tutti a cantare
Parliamo degli anni settanta a Cervinara la genuinità si sente a dismisura
alla festa della Befana anche i bambini andavano a mangiare i ciciuottuli a comprare
La squisitezza dei parruozzi è un’altra cosa si preparavano per le feste di Natale
La tradizione è sacra e va rispettata raccontala a tuo figlio e falla continuare
La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la
La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la.
Luigiella che lavora nella cucina si da da fare anche a servire le portate
I cannelloni le zucchine all’insalata condite con l’aglietto sono buone da mangiare
Si balla si ride si canta a squarciagola la soppressata già tagliata da mezz’ora
Il cotechino le lenticchie a Capodanno portano tanti soldi e la felicità
E chi lo dice che la vita non era bella si divertivano con tanta semplicità
Si raccontavano le storielle davanti al fuoco tu nonna ai nipoti gli devi raccontare
Si camminava ancora a piedi per le strade e l’amicizia era sacra per carità
Ogni lavoro era senza pregiudizio ma il malo servizio non si poteva far!
La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la
La… la la la la la la la la la la … la la la la la la … la laila la la la.

Si turnass vint anni arret

Si turnass vint anni arret
Rifacess proprio ogni cosa
Nun cagnass a via vecchia pa nova
Te ricess si bella e te spos!
E rifietti nun mport ce stann
Ce convivo ogni jorne so anni
Ma si brava e je chest che conta
Rind a vita si dai te ritorna

E mmò strignt mpiett a me
E nun chiagn pe carità
Sta vucchella taggià vasà pe l’eternità

E mmò strignt mpiett a me
E nun chiagn pe carità
Sta vucchella taggià vasà pe l’eternità

Il matrimonio dell’avvocato

Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
E’ di domenica è mezzogiorno e la chiesetta è addobbata a festa
È il matrimonio dell’avvocato e ci sta pure il sacrestano
E Zi Ndrea bardato a festa vestito marrone e cappello in testa
Cu Za Cuncetta co scialle sul collo tutta agghindata a Trullallà Angctià… Angctià…
E Zi Michele co Tupp Tattopp la Fisarmonica e cosce storte
Cu nu bastone è pertica è noce saluta a tutti alzando la voce
E Za Ndunetta a fianco all’altare nun perde na virgula manco a scherzare
Si piglia li cazzi di tutti quanti Angctià… Angctià…
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Spunta lo sposo co sciarabball la banda sona na Tarantella
E gli invitati tutti a ballare co segn ra croce lo lascia passare
Arriva la sposa vestita di bianco con velo lungo e li tacchi a spillo
Trascina il braccio del suo papà Angctià… Angctià…
Esce Zi Prevet a ngopp all’altare fa o segno ra croce e se mette a pregare
E la bizzoca alla terza fila critica tutti a divinità
Poi corrono tutti al ristorante si mangia da sbafo e poi tutti a ballare
a tarda sera a festa finisce e sposi salutano e se vanno a curcare Angctiar… Angctiar…
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà
Tup tattoppa tuptatoppa tuptattoppa tattip tattà

Jesc Sole

Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
quanti cose nun funzionan inda a chesta società
E cammin nmieza a via sbircio un po’ di qua e di là
Osservando attentamente quanta cose sanna fa
L’amicizia ormai è virtuale e la famiglia non c’è più
È partita per lavoro chissà quando torna cchiù?
Ehhh ce stati accirenn l’anima
Ehhh nu poc e pane e felicità facitc campà
Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
quanti cose nun funzionan inda a chesta società
Quanta gent nun riposa, nun se fira proprio cchiù
Qui si gioca con l’onore e con la sensibilità
In amore nun è cosa si tradisce sempre più
il piacere di cambiare con che cosa non si sa?
Ehhh ce stati accirenn l’anima
Ehhh nu poc e pane e felicità facitc magnà
Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
cu sta guerra nun è cosa si distrugge a libertà
Jesc sole jesc sole ca sta vita adda cagnà
quanti cose nun funzionan inda a chesta società

La Capera

La capera andava per le case aggiustava i capelli delle donne
con sè portava spazzole e forcine con pinze e bigodini preservava la bellezza
Delle famiglie conosceva ogni segreto di ogni cosa e di ogni pelo
Che gran pettegola di tutto raccontava ciò che sentiva lo spifferava!

E tutto il giorno lei lavorava la vanità non riposava
Le trecce lunghe e lo Chignon per ogni gusto e per il Bon Ton.
E tutto il giorno lei lavorava la vanità non riposava
Le trecce lunghe e lo Chignon per ogni gusto e per il Bon Ton.

Anche la sposa attendeva la Capera per prepararsi al matrimonio
Si sveglia all’alba di domenica mattina quattro ore intere per completar
La sposa le racconta cose personali e le confida le proprie ansie
Si finge amica ma soltanto in quell’istante per convenzione e per falsità

E tutto il giorno lei lavorava la vanità non riposava
Le trecce lunghe e lo Chignon per ogni gusto e per il Bon Ton.
E tutto il giorno lei lavorava la vanità non riposava
Le trecce lunghe e lo Chignon per ogni gusto e per il Bon Ton.

Brindo all’amore

La la la la la la la la…
Sorrisi e baci tu questa notte mi piaci!
La luna piena che ispira ed accende il fuoco dentro di noi,
Un altro bicchiere di vino per brindare all’amore
Alla notte che aspetto per viver l’intenso profumo di te.
Muoio di te, vivo per te
Soffoco e canto la gioia e il rimpianto quando non ci sei
Questa avventura è pura follia
Mi avvolge, mi stringe, mi spinge, mi induce, farò una pazzia.
La la la la la la la la…
Questa notte giù in spiaggia tu sei qui con me
La mia chitarra suona tra amici ballando davanti a un falò
I tuoi occhi mi parlano, mi dicono che
In questa notte d’amore non potrai sfuggirmi ti voglio per me.
Muoio di te, vivo per te
Soffoco e canto la gioia e il rimpianto quando non ci sei
Questa avventura è pura follia
Mi avvolge, mi stringe, mi spinge, mi induce, farò una pazzia.
La la la la la la la la…

Funerale in 4 atti

Al funerale della maestra c’è tutta la classe col Preside accanto
Tante colleghe che in segno di lutto almeno in quel giorno non badano a spese
Portano fiori e candele accese abiti scuri e cappelli in testa
Lasciano a casa almeno in quel giorno la rabbia e l’invidia che portano dentro

Al funerale della Marchesa gente distinta porta il cordoglio
Tante ghirlande e chiesa addobbata una carrozza con sei cavalli
Quante corone di crisantemi cuscini con fiori di tanti colori
Le donne con i veli neri sul volto in segno di lutto e di grande rispetto

Al funerale di Suora Ermelinda si legge il Vangelo e tre passi di Bibbia
Ad ogni versetto si fanno la croce si sparge l’incenso per benedizione
Tre Ave Maria e un Eterno Riposo il Padrenostro e l’Atto di Dolore
Tutti i bambini del suo Asilo in segno di amore le donano un fiore

Al funerale della Prostituta c’è il suo Pappone col Prete e i Becchini
Le male lingue di tutto il Paese sono assiepate e non sono cortesi
Oggi i suoi clienti non fanno la fila neanche i parenti le portano un fiore
Non c’è manifesto che parli di lei della donna che il suo corpo donò.

Il ciabattino

Svegliarsi presto all’alba
E rimanere su
Sveglia di buon mattino
Bottega riaprirà
Suonano le campane
Scarpe da consegnar
Suola che non incolla
Tacco da far marciar
Stivali di vernice
Lustrati lucidi
Mostrarli ai passanti
Convincerli a dire si
Con tanti sacrifici
Tira avanti a campar
Famiglia numerosa
il ciabattino ha

La sagra e il Profano

Il tavolo è pieno di Lonza e di Abbacchio
Di vino e di brocche comincia la festa
La sagra dei funghi, tartufi e castagne
Iniziano i canti e i squilli di tromba

È festa in paese si mangia e si balla
Le danze, paranze e le grandi abboffate
I trampoli e i giochi ci sono i mangia fuochi
La gente si accalca si spinge e si salta

Le luci soffuse e le griglie arrostiscono
Arrosti, salsicce, ventresca e frattaglie
Si mangia e si beve un rosso campano
Si suona Tammorre con pelli di capra

Il Diavolo è pazzo? Qui c’è San Gennaro
Ci sono devoti, preti e peccatori
Ormai è tarda notte ci siamo ‘mbriacati
Sdraiamoci a terra e aspettiamo il domani

Il contadino

Sa di terra sa di polvere sotto il sole il contadino
Picchia forte la sua zappa dalla sera alla mattina,
Di pazienza c’è ne vuole di lavoro ancor di più
Se la semina è perfetta un buon raccolto gli darà la sua Terra!

Non bisogna avere fretta lui sa bene come va
La natura ha i suoi tempi e tanti frutti donerà
Uno sguardo all’orizzonte con la mano sulla fronte
Sembra che legge nel cielo quando il fiore sboccerà dalla Terra!

Che regalo di mattina l’uovo fresco della gallina
Tanta forza gli darà per la fatica che farà
Prendon vita i germogli e gli alberi non sono più spogli
Se l’impegno metterai la natura ti offrirà la bontà… della sua Terra!

Se il pensiero può andare lontano la tua azione può andare oltre
La sua Terra!

Chiudi il menu